Bilancio 2016: tre buone notizie per i Sangimignanesi Meno tasse locali, più opere pubbliche e sociale, stessi servizi

Grazie al voto della maggioranza a targa PD è stato approvato, entro il 31 dicembre, il bilancio comunale di previsione 2016, senza ricorrere così all’esercizio provvisorio. Grandi novità, frutto anche della Legge di Stabilità varata da Governo e Parlamento, sul fronte delle imposte locali e degli investimenti in opere pubbliche, oltre ad un maggiore impegno sul fronte sociale per i servizi resi dalla Fondazione Territori Sociali Altavaldelsa (FTSA). Quest’anno dunque, a differenza del 2015, nessun taglio da Roma e la possibilità di investire, senza fare debito, ma applicando finalmente in modo diverso il Patto di Stabilità interno. Queste le principali novità del bilancio 2016, approvato con il voto della maggioranza “Centrosinistra per San Gimignano” a cui si sono opposti Lista Civica e M5S.

La prima buona notizia – commenta Andrea Marrucci, capo gruppo del Centrosinistra per San Gimignano – è che nel 2016 il risparmio per le famiglie sangimignanesi sarà di circa 1 milione di euro: questo grazie all’abolizione nazionale della Tasi/Imu sulla prima abitazione (tranne quelle di lusso), dell’Imu agricola più quella sugli imbullonati e al fatto che confermiamo a livello locale, come facciamo dal 2004, la non applicazione dell’addizionale Irpef comunale. La seconda buona notizia, oltre a quella che le risorse non riscosse di Tasi/Imu ci saranno restituite da Roma, è soprattutto quella che prevede finalmente e grazie ad una più intelligente applicazione del Patto di Stabilità interno, lo sblocco di risorse per oltre 1 milione di euro da investire in opere pubbliche: tutte opere necessarie ma ferme da tempo, pur avendole interamente finanziate. Una bella differenza col passato in cui i Governi centrali ci imponevano tagli e ci obbligavano a mettere nuove tasse. La terza buona notizia è che non c’è alcun taglio di servizi tra quelli erogati dal Comune ai Sangimignanesi, anzi c’è un aumento dell’impegno nel settore sociale. Il 2016 sarà poi l’anno dell’avvio delle opere per il nuovo villaggio scolastico, l’anno del finanziamento completo del nuovo Santa Fina (lavori dal 2017), oltre a prevedere opere per gli impianti sportivi, interventi per il Centro Storico (dagli ammattonati, ai palazzi, fino ai varchi elettronici per la ZTL) e interventi per il patrimonio culturale comunale. Con le nuove regole del Patto di Stabilità – prosegue Marrucci smettiamo di parlare solo di tagli e torniamo ad occuparci di politiche di entrata e di uscita per avere le risorse necessarie a garantire i servizi e le opere pubbliche per residenti e turisti: sulle prime prevediamo il recupero di elusione/evasione dell’imposta di soggiorno e dovremo lavorare su un accesso sempre più equo e proporzionato ai redditi per i servizi a domanda individuale, mente sulle seconde sarà sempre più necessario ridurre le spese improduttive, a partire dai risparmi che si possono ottenere dalle spese per le utenze”.

Nel 2016 conclude il vice capo gruppo Gianni Bartaliniavremo dunque la possibilità di realizzare e pagare opere per più di 1.100.000 di euro, oltre a quelle messe a bilancio nell’ultima seduta del Consiglio Comunale. Opere che non “peseranno” sul conto del Patto di Stabilità interno. Così potremo finalmente realizzare opere che avevamo previsto e finanziato da tempo, sia per il Centro Storico sia per le frazioni, su vari fronti: da quello della sicurezza stradale (rifacimento strada di Santa Lucia per 340mila euro e la realizzazione di due tratti di marciapiede in località Le Mosse e in località La Steccaia per 257mila euro), a quello della difesa del suolo (ripristino della frana presso il  Campeggio di Santa Lucia per 160mila euro), dagli interventi per il patrimonio culturale (indagine diagnostica presso il complesso ex carcere di S.Domenico per 98mila euro ed il restauro della Chiesa di San Lorenzo in Ponte per 75mila euro), fino alle manutenzioni non più rinviabili della pavimentazione del Parcheggio Montemaggio (per 60mila euro), del restauro della pavimentazione lastricata di Piazza Duomo (per altri 60mila euro) e l’asfaltatura dei piazzali in località Baccanella (check-point bus turistici) e di quello antistante le scuole elementari (per 50mila euro), che oggi ospita sia tutte le classi medie che tutte le classi delle stesse elementari”.

 Centrosinistra per San Gimignano

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...